At the beginning of the 1980s, while still in his early twenties, Florentine Andrea Varani started out on his career as a photographer, transforming a passion (initially shared with his father, an acclaimed award-winning amateur photographer) into a profession which – despite being totally transformed with the advent of the digital era first and the social media later – he exercises with unfailing enthusiasm and curiosity to this day.

In the mid-1980s, Tuscany was the background of one of the two most significant and fruitful encounters that defined a turning point in Andrea’s professional life in fashion photography. In fact, he began working together with Jean Yves Malbos, skilled, high-profile Parisian art director with whom, in addition to establishing a deep friendship, Andrea also made a real leap forward in quality, starting successful collaborations with some of important fashion brand which took him career-wise to Milan.
This was where, in around 1986, the second significant encounter took place for Andrea, that with Flavio Lucchini, editor of Edimoda, which allowed him to collaborate with the fashion magazines “Mondo Uomo” and “Donna”. During this period, he consolidated and created his own genre, without straddling other dominant models, thus affirming his own style.

Observed together, Andrea Varani’s photos make you think of the album that a sophisticated explorer continues to add to over the years, with images of journeys to spectacular places, at times remote, in the company of marvellous creatures.
They are portraits of landscapes that are both cold and intimate at the same time, as distant as they are close in style, reminiscent of the documentary by Wim Wenders who relied on Irving Penn and other 20th century masters as his photography directors.
Places so geographically distant one from the other that only a constant search for beauty (which never leads to ostentation) can render them so intimately close.
Thousands of miles of air travel each year, punctilious and frenetic organising, frequent changes of plans, and finally, arrival in the most diverse landscapes with their different seasons for capturing in very little time, a form of beauty that is returned with calm amazement.
Fashion worn by models, at times interpreted with alienating postures, at times with amused participation, becomes the cause and effect of every shot and every trip.

Travel is an integral part of his photography, for this reason in December 2014 the Triennale of Milan dedicated a one-man show to him entitled “Untitled 199-Itinerari di moda”, consisting of over 250 photos, from which the book was also created, reproducing moments of fashion and travel that together, like tiles in a single mosaic, make up Andrea’s professional and personal journey.

A reserved soul, when far from all the clamour and worldliness, as soon he can Andrea always returns to his native Tuscany immersed in the green countryside, alternating whenever possible with the lush jungle of Tulum, places so different and far apart yet both linked by a splendid nature where he can regenerate himself.

Nato a Firenze, Andrea Varani, poco più che ventenne, inizia la propria carriera di fotografo nei primi anni 80 trasformando una passione (inizialmente condivisa con il padre, apprezzato e premiato foto amatore) in professione che a tutt’oggi, sebbene totalmente cambiata con l’avvento del digitale prima e dei social media dopo, esercita con immutato entusiasmo e curiosità.

A metà degli anni 80, ancora in Toscana, avviene uno dei due incontri più significativi e proficui che definisce la svolta per la vita professionale di Andrea nella fotografia di moda. Ha inizio, infatti, la collaborazione con Jean Yves Malbos, art director parigino, di notevole spessore e capacità con il quale, oltre ad allacciare una profonda amicizia, Andrea fa un vero salto di qualità cominciando fruttuose collaborazioni con importanti fashion brand che lo portano professionalmente a Milano.
Qui, nel 1986 avviene il secondo incontro fondamentale per Andrea, quello con Flavio Lucchini, patron di Edimoda e grande personaggio della moda internazionale, e l’inizio della collaborazione con le riviste “Mondo Uomo” e “Donna” periodo nel quale consolida e crea il proprio genere, senza cavalcare alcun modello dominante, affermando così il proprio stile.

Le foto di Andrea Varani, nel loro insieme, fanno pensare all’album che un raffinato esploratore continua ad arricchire nel tempo, con le immagini di viaggi in posti spettacolari, a volte remoti, in compagnia di creature meravigliose.
Sono ritratti di paesaggi dai toni algidi e intimi allo stesso tempo, tanto lontani quanto vicini nel loro stile, da ricordare il documentario di un Wenders che si affida a Irving Penn ed altri maestri del 20esimo secolo, come direttori della fotografia.
Luoghi così geograficamente distanti fra loro che solo una costante ricerca del bello (che non sfocia mai nell’ostentazione) può rendere così intimamente vicini.
Miglia e miglia aeree percorse ogni anno, organizzazioni puntigliose e frenetiche, ricorrenti cambi di programma e, finalmente l’arrivo nei paesaggi più diversi, con le loro stagioni per coglierne, in pochissimo tempo, la bellezza e restituirla con pacata meraviglia.
La moda indossata, interpretata a volte con stranianti posture, altre con divertita partecipazione, diventa causa ed effetto di ogni scatto e di ogni viaggio.

Il viaggio è parte integrante della sua fotografia, a tal proposito la Triennale di Milano nel dicembre del 2014 gli dedica una mostra personale intitolata “ Untitled 199-Itinerari di moda”, composta da oltre 250 foto, da cui è stato realizzato anche il libro, riproducenti istanti di moda e viaggi che nell’insieme, come tessere di un unico mosaico, compongono il percorso professionale e personale di Andrea.

Schivo, lontano dai clamori e dalla mondanità Andrea, appena possibile, ritorna sempre nella sua casa in Toscana, immerso nel verde della campagna che alterna, ogni volta che può, alla giungla lussureggiante di Tulum, luoghi lontani e diversi tra loro ma accomunati da una splendida natura dove potersi rigenerare.

At the beginning of the 1980s, while still in his early twenties, Florentine Andrea Varani started out on his career as a photographer, transforming a passion (initially shared with his father, an acclaimed award-winning amateur photographer) into a profession which – despite being totally transformed with the advent of the digital era first and the social media later – he exercises with unfailing enthusiasm and curiosity to this day.

In the mid-1980s, Tuscany was the background of one of the two most significant and fruitful encounters that defined a turning point in Andrea’s professional life in fashion photography. In fact, he began working together with Jean Yves Malbos, skilled, high-profile Parisian art director with whom, in addition to establishing a deep friendship, Andrea also made a real leap forward in quality, starting successful collaborations with some of important fashion brand which took him career-wise to Milan.
This was where, in around 1986, the second significant encounter took place for Andrea, that with Flavio Lucchini, editor of Edimoda, which allowed him to collaborate with the fashion magazines “Mondo Uomo” and “Donna”. During this period, he consolidated and created his own genre, without straddling other dominant models, thus affirming his own style.

Observed together, Andrea Varani’s photos make you think of the album that a sophisticated explorer continues to add to over the years, with images of journeys to spectacular places, at times remote, in the company of marvellous creatures.
They are portraits of landscapes that are both cold and intimate at the same time, as distant as they are close in style, reminiscent of the documentary by Wim Wenders who relied on Irving Penn and other 20th century masters as his photography directors.
Places so geographically distant one from the other that only a constant search for beauty (which never leads to ostentation) can render them so intimately close.
Thousands of miles of air travel each year, punctilious and frenetic organising, frequent changes of plans, and finally, arrival in the most diverse landscapes with their different seasons for capturing in very little time, a form of beauty that is returned with calm amazement.
Fashion worn by models, at times interpreted with alienating postures, at times with amused participation, becomes the cause and effect of every shot and every trip.

Travel is an integral part of his photography, for this reason in December 2014 the Triennale of Milan dedicated a one-man show to him entitled “Untitled 199-Itinerari di moda”, consisting of over 250 photos, from which the book was also created, reproducing moments of fashion and travel that together, like tiles in a single mosaic, make up Andrea’s professional and personal journey.

A reserved soul, when far from all the clamour and worldliness, as soon he can Andrea always returns to his native Tuscany immersed in the green countryside, alternating whenever possible with the lush jungle of Tulum, places so different and far apart yet both linked by a splendid nature where he can regenerate himself.

Nato a Firenze, Andrea Varani, poco più che ventenne, inizia la propria carriera di fotografo nei primi anni 80 trasformando una passione (inizialmente condivisa con il padre, apprezzato e premiato foto amatore) in professione che a tutt’oggi, sebbene totalmente cambiata con l’avvento del digitale prima e dei social media dopo, esercita con immutato entusiasmo e curiosità.

A metà degli anni 80, ancora in Toscana, avviene uno dei due incontri più significativi e proficui che definisce la svolta per la vita professionale di Andrea nella fotografia di moda. Ha inizio, infatti, la collaborazione con Jean Yves Malbos, art director parigino, di notevole spessore e capacità con il quale, oltre ad allacciare una profonda amicizia, Andrea fa un vero salto di qualità cominciando fruttuose collaborazioni con importanti fashion brand che lo portano professionalmente a Milano.
Qui, nel 1986 avviene il secondo incontro fondamentale per Andrea, quello con Flavio Lucchini, patron di Edimoda e grande personaggio della moda internazionale, e l’inizio della collaborazione con le riviste “Mondo Uomo” e “Donna” periodo nel quale consolida e crea il proprio genere, senza cavalcare alcun modello dominante, affermando così il proprio stile.

Le foto di Andrea Varani, nel loro insieme, fanno pensare all’album che un raffinato esploratore continua ad arricchire nel tempo, con le immagini di viaggi in posti spettacolari, a volte remoti, in compagnia di creature meravigliose.
Sono ritratti di paesaggi dai toni algidi e intimi allo stesso tempo, tanto lontani quanto vicini nel loro stile, da ricordare il documentario di un Wenders che si affida a Irving Penn ed altri maestri del 20esimo secolo, come direttori della fotografia.
Luoghi così geograficamente distanti fra loro che solo una costante ricerca del bello (che non sfocia mai nell’ostentazione) può rendere così intimamente vicini.
Miglia e miglia aeree percorse ogni anno, organizzazioni puntigliose e frenetiche, ricorrenti cambi di programma e, finalmente l’arrivo nei paesaggi più diversi, con le loro stagioni per coglierne, in pochissimo tempo, la bellezza e restituirla con pacata meraviglia.
La moda indossata, interpretata a volte con stranianti posture, altre con divertita partecipazione, diventa causa ed effetto di ogni scatto e di ogni viaggio.

Il viaggio è parte integrante della sua fotografia, a tal proposito la Triennale di Milano nel dicembre del 2014 gli dedica una mostra personale intitolata “ Untitled 199-Itinerari di moda”, composta da oltre 250 foto, da cui è stato realizzato anche il libro, riproducenti istanti di moda e viaggi che nell’insieme, come tessere di un unico mosaico, compongono il percorso professionale e personale di Andrea.

Schivo, lontano dai clamori e dalla mondanità Andrea, appena possibile, ritorna sempre nella sua casa in Toscana, immerso nel verde della campagna che alterna, ogni volta che può, alla giungla lussureggiante di Tulum, luoghi lontani e diversi tra loro ma accomunati da una splendida natura dove potersi rigenerare.

Copyright 2020 Andrea Varani

Copyright 2020 Andrea Varani